MEDITAZIONE del PLENILUNIO

a cura di

GUIDO NATHAN ZAZZU

 

 

La Luna nella Divina Commedia

 

Ho scelto, in questi anni trascorsi, di individuare un tema per le meditazioni del plenilunio. Questo anno, ho scelto di soffermarmi sulla Luna nella Divina Commedia. Un ritorno alle origini si potrebbe dire, ma piuttosto preferisco definirla una ricerca sull’identità, sulle radici che reggono la storia dove sono nato cresciuto vissuto. 
Sono giunto alla considerazione che se il Karma ha voluto che nascessi in Occidente, con le sue istituzioni, le sue forme tradizionali, la sua cultura e il suo rapporto con il Divino, evidentemente un motivo doveva esserci, altrimenti mi avrebbe fatto nascere in altri posti, fra i quali avrebbe potuto scegliere l’India, che con la sua cultura per certi aspetti mi ha sollecitato ad una profonda revisione della mia cultura e ad accogliere un orizzonte molto vasto, che altrimenti non mi si sarebbe aperto.
Ha scelto invece un luogo dell’Occidente dove si parla la lingua italiana e dove si è professata per secoli una religione, e dove si è compiuto un percorso culturale, soprattutto artistico e letterario, di primissimo ordine. Ci sarà pur stato un motivo.
Nel trascorrere degli anni, ho sempre più avvertito che doveva essere accettato questo motivo e infine che doveva essere interpretato. Nelle meditazioni mi sono più volte reso conto che le persone recitano mantra in lingue a loro sconosciute e di cui non conoscono assolutamente il senso più profondo, tutto diviene ripetizione che non può rompere la corteccia della comprensione e quando dico comprensione intendo dire che l’animo non può esserne coinvolto, il che porta come conseguenza che la ripetizione diviene recita quasi teatrale. 
C’è nelle parole, nel verbo che si dilata nell’aria e nella mente, una vibrazione che entra in consonanza con la lingua primigenia; c’è nella nostra biblioteca di riferimento il sapore e l’odore della nostra prima casa, delle abitudini del nucleo che ci ha voluto vedere nascere. Indimenticabili percorsi che si scrivono nel corpo calloso del nostro cervello, che divengono una sorta di hard disk, senza il quale il computer non è in grado di funzionare.
Se il Karma sceglie per ognuno di noi uno spazio e un tempo, ci deve essere una ragione, per la quale i conti con la vita li dobbiamo fare in quel contesto e non in un altro, anche se da questo ne siamo fortemente attratti o se lo sentiamo quasi più corrispondente alle nostre aspettative di vita; anche questo sentirsi attratti o trovare in altre culture o persino in altre religioni una corrispondenza maggiore, è una prova che il Karma ci pone dinnanzi. Tuttavia non si può fuggire o semplicemente uscire dall’ambito che ci ha plasmato persino con la sua memoria genetica.
Torno per tutto questo percorso, che in questi anni mi ha guidato, alla mia cultura, quella che mi ha costruito per almeno due decenni, e grazie alla quale sono oggi in grado di compiere questo percorso, e grazie alla quale ho potuto accogliere altre culture e altre lingue, altre forme di pensiero, altre manifestazioni della spiritualità. Un insieme di sollecitazioni e di emozioni, che fanno che oggi io sia quello che sono, con la profonda consapevolezza di dove io sono partito, con quali strumenti ho affrontato questo percorso.
Torno, con questa scelta di utilizzare la Luna nella Divina Commedia, per le meditazioni del Plenilunio, per riproporla questa cultura che mi ha nutrito, perché, in questi tempi di confusione, sempre più ritengo che riappropriarsi delle radici da cui si proviene sia l’unica certezza che possiamo avere e che ci consentirà di guardare alle altre culture senza timore, e senza perdersi in fascinazioni improduttive; senza la certezza di sé si diviene preda di mode, di astrusi conformismi, e infine di illusioni di aver trovato altrove ciò che si può trovare soltanto in noi, e noi siamo quello che siamo stati, vale a dire tutto quello che prima ancora che potessimo diventare coscienti, ci aveva già parlato, indirizzato, plasmato.
 

 

Appuntamenti di MEDITAZIONE

ingresso libero

 

2017
mercoledì 6 settembre ore 12.00

VERGINE
giovedì 5 ottobre ore 21.15

BILANCIA
sabato 4 novembre ore 12.00

SCORPIONE
domenica 3 dicembre ore 18.00

SAGITTARIO

 

2018
mercoledì 31 gennaio ore 18.30

ACQUARIO
giovedì 1 marzo ore 21.15

PESCI
sabato 31 marzo ore 19.00

ARIETE
domenica 29 aprile ore 21.00

TORO
martedì 29 maggio ore 12.00

GEMELLI
giovedì 28 giugno ore 12.00

CANCRO
venerdì 27 luglio ore 20.30

LEONE

 

 

Ora esatta dei PLENILUNI

 

2017
mercoledì 6 settembre 09h04m

VERGINE
giovedì 5 ottobre 20h41m

BILANCIA
sabato 4 novembre 06h24m

SCORPIONE
domenica 3 dicembre 16h48m

SAGITTARIO

 

2018
mercoledì 31 gennaio 14h27m

ACQUARIO
venerdì 2 marzo 01h52m

PESCI
sabato 31 marzo 14h37m

ARIETE
lunedì 30 aprile 02h59m

TORO
martedì 29 maggio 16h26m

GEMELLI
giovedì 28 giugno 06h54m

CANCRO
venerdì 27 luglio 22h22m

LEONE

 

 

La meditazione è un potente metodo di servizio all'umanità quando la mente viene usata come un canale di ricezione delle energie di luce, amore e volontà di bene, e per dirigerle nella coscienza umana. Il momento del plenilunio di ogni mese offre la grande

opportunità di meditare - soprattutto in gruppo - come mezzo di cooperare

con il Piano divino o Intenzione per il nostro mondo.

Alice A. Bailey

 

 

meditazione plenilunio.pdf
Documento Adobe Acrobat [1.1 MB]
Stampa Stampa | Mappa del sito
part. IVA 02246150995