part. IVA 02246150995

LETTURE

Robert E. Svoboda

Prakriti

La struttura fisica dell’uomo

Edizioni Mediterranee

 

 

Quando qualcuno ci chiede un testo per avvicinarsi all’Ayurveda, non abbiamo dubbi, consigliamo questo libro di Svoboda. Primo, perché a noi è piaciuto molto, si legge come un romanzo, poi perché presenta un buon quadro dell’Ayurveda, partendo dal punto nodale di questa antica medicina indiana, ovvero l’analisi e la terapia dell’individuo.

 

Sappiamo bene che quando qualcuno ci chiede qualcosa per conoscere un po’ meglio l’Ayurveda vorrebbe un testo che gli raccontasse della sua malattia e della sua guarigione, ma questo non è possibile. L’Ayurveda, prima di essere medicina, è una filosofia della vita, e non c’è modo di capire il catalogo, peraltro complesso dell’Ayurveda, se non si coglie prima l’aspetto fondamentale di questa filosofia, ovvero l’equilibrio fra cosmo, creazione, universo, e l’uomo, nonché le componenti emozionali del disequilibrio che fa insorgere la malattia, e prima fra tutti la resistenza al cambiamento. La vita è un costante cambiamento al quale dobbiamo inevitabilmente cedere per guidarlo, resistergli è come farsene travolgere.

 

Svoboda parte di qui per un viaggio intorno al pensiero antico dell’Ayurveda, alla sua saggezza millenaria, che certe volte a noi occidentali può apparire utopia, ma se ci guardiamo con attenzione scopriamo quanto poi invece essa sia attualisissima: consideriamo semplicemente che oggi lo stress, almeno nel nostro mondo occidentale ricco e produttivo, è la causa prima di tante malattie, ma lo stress altro non è che un accelerazione di cambiamento al quale proprio non riusciamo a star dietro e se vogliamo stare un po’ meglio, in salute, dobbiamo, in questo caso, imparare a prendere le distanze da questo tipo di eccesso, che comprende fra le altre cose anche il mangiare veloce, altra causa fra le prime di disordine energetico.